Guarda mamma, come Trump

Ormai, il Brasile è il più grande focolaio di Covid-19 nel mondo. Con quasi 13 milioni di casi, più di 300000 morti e un ritmo di 4000 morti giornaliere la popolazione è in ginocchio. Lo Stato più esteso del Sud-America sta affrontando una crisi senza precedenti, resa ancora più impossibile da contenere a causa della disastrosa gestione, o per meglio dire mancanza di qualsiasi forma di gestione, da parte del leader del Paese Jair Bolsonaro.

Continua a leggere Guarda mamma, come Trump

Trump – Biden: un infuocato dibattito

I due candidati alla presidenza statunitense, Donald Trump e Joe Biden, si sono confrontati in quello che il Washington Post ha voluto definire “il peggior dibattito presidenziale nella storia degli Stati Uniti”: caotico, dominato da un’aggressività e una confusione senza precedenti, pochi programmi e tante offese: un vero e proprio insulto alla democrazia americana.

Continua a leggere Trump – Biden: un infuocato dibattito

Russiagate – tiriamo le somme

Dopo il tentativo di impeachment del Presidente degli Stati Uniti e sempre più vicini alle elezioni 2020, in piena campagna elettorale, ci sembra corretto guardare ai capitoli conclusivi di uno degli scandali più importanti dell'amministrazione Trump. Non molti infatti sono a conoscenza di quelle che sono state le conclusioni dell'investigazione condotta dal procuratore speciale (ed ex direttore dell'FBI) Robert Mueller, e molti non sanno nemmeno se l'interferenza russa nelle elezioni del 2016 sia ufficiale, in parte per il linguaggio a volte inconclusivo del rapporto di 448 pagine, in parte per le affermazioni della Casa Bianca che lo hanno celebrato come un testo che assolveva per intero la presidenza. Ma i dati parlano chiaro. Il Report ha portato alla formulazione di 199 capi d'imputazione, 37 tra persone accusate e ammissioni di colpa, e 5 condanne. Al di la della retorica il Report ci può dire molto della realtà di questa presidenza.

Continua a leggere Russiagate – tiriamo le somme

À Lagarde comme à Lagarde

La presidente conferma che il consiglio dei governatori ha discusso il rafforzamento dell’euro, ma il cambio non è parte del loro mandato, mentre lo è la stabilità dei prezzi. Nonostante questo, si se ne continua a monitorare attentamente la questione. Ore 14.34. Bloomberg lancia una news interrompendo gli inquieti equilibri in sala stampa “il Consiglio direttivo ha discusso il recente apprezzamento della moneta ma l’opinione generale è stata che non c’è ragione di reagire eccessivamente”. Stacco.

Continua a leggere À Lagarde comme à Lagarde