Nel recente decreto SalvaItalia non si parla solo di salvare il nostro Paese dalla crisi provocata dal corona-virus, ma anche della possibilità dello Stato di mettere le mani in pasta per salvare di nuovo la compagnia aerea italiana: Alitalia. L’idea è quella di costituire una nuova società (NEWCO) sotto il controllo del Ministero dell’Economia.

Come tutte le compagnie aeree, Alitalia è stata duramente colpita dalla pandemia quest’anno, ma negli ultimi quindici anni questa è la prima (pandemia)…

Crediti: Investireoggi

I numeri:

Se dovessimo contare tutte le volte che la società è fallita, perderemmo il conto; ma limitandoci alle quattro volte ufficiali, le perdite di risorse pubbliche registrate vanno ben oltre il milione al giorno.

L’ultima volta, Alitalia era stata salvata grazie a 400 milioni di prestito di soldi pubblici, precedentemente predisposti per finanziare “cose meno importanti”, come la sanità, la ricerca e l’istruzione. Erano stati già erogati 900 milioni dal Governo Gentiloni e altri da finanziamenti precedenti, che hanno portato il totale dei finanziamenti a 1,5 miliardi con un tasso di interesse al 10%.

“Alitalia non è risanabile senza sacrifici e senza una strategia per il futuro”

Romano Prodi

Oggettivamente, però, Alitalia ha dimostrato di non poter rimborsare nessuno di questi finanziamenti.

Il patrimonio massimo (netto) raggiunto dalla compagnia aerea è stato di 817 milioni di euro nel 1998 con una flotta di 160 aerei e 18.360 dipendenti. Ad oggi i dipendenti sono 11.132 e gli aerei 112, con una perdita antecedente alla pandemia di 600 milioni.

Attualmente, se si aggiungono alla somma i soldi per la NEWCO e quelli del decreto “Cura Italia”, si arriva ad un totale di 12 miliardi e 515 milioni di euro per finanziare il decollo di un altro (possibile, quasi certo) fallimento.

(Foto di copertina da Adnkronos)

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *