Consiglio europeo: quali temi?

Il 24 e 25 maggio i membri del Consiglio europeo si sono riuniti in un incontro straordinario per discutere delle ultime questioni più spinose relativamente a Bielorussia, lotta al cambiamento climatico, Russia e Regno Unito.   

Bielorussia: attacco alla libertà

Il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha fermamente condannato l’atterraggio forzato del volo Ryanair a Minsk e il conseguente arresto del giornalista oppositore Raman Pratasevich e della fidanzata, Sofia Sapega, da parte del governo bielorusso. I leader si sono espressi sul grave episodio definendolo uno scandalo internazionale senza precedenti e richiedendo un’indagine tempestiva da parte dell’Organizzazione per l’aviazione civile internazionale. Inoltre, l’adozione di nuove sanzioni mirate nei confronti dei funzionari bielorussi si è rivelata necessaria al fine di punire i responsabili dell’accaduto. A questa decisione, si aggiunge il divieto di sorvolo dello spazio aereo dell’UE da parte delle compagnie aree bielorusse.

Fonte: ANSA

Cambiamenti climatici 

La centralità della questione ambientale rimane prioritaria in seno alle istituzioni europee; i membri del Consiglio europeo si sono rivolti alla Commissione affinché conduca un esame dettagliato dell’attuale stato ambientale, sociale ed economico dei rispettivi paesi europei. È stata poi rimarcata la necessità di portare avanti un saldo impegno globale nella lotta contro il cambiamento climatico, in modo particolare in vista della COP 26 di Glasgow.

Relazioni UE-Russia

Il Consiglio europeo ha condannato le azioni illecite e squilibranti condotte dal Cremlino rispetto all’UE, riaffermando in modo particolare i cinque criteri guida nella politica dell’Unione europea nei confronti della Russia: piena attuazione degli accordi di Minsk, rafforzamento delle relazioni dell’UE con i paesi del partenariato orientale e della resilienza europea in settori quali la sicurezza energetica, le minacce ibride e la comunicazione strategica, dialogo selettivo con la Russia su questioni strategiche per l’UE e infine sostegno ai contatti interpersonali.

Relazioni UE – Regno Unito 

Per quanto concerne i rapporti UE – Regno Unito, i leader hanno ribadito l’importanza di mantenere forti le relazioni commerciali tra i due blocchi al fine di salvaguardare la funzionalità del mercato unico europeo. A tal proposito, l’entrata in vigore dell’accordo sugli scambi commerciali e la cooperazione UE-Regno Unito il 1º maggio 2021 ha costituito un momento fondamentale per la continuità delle relazioni con l’ex membro UE.

“Tale accordo, insieme all’accordo di recesso e ai relativi protocolli, costituisce il quadro per le nostre relazioni con il Regno Unito. Entrambi gli accordi dovrebbero essere attuati pienamente e in modo effettivo.”

Dichiarazione conclusiva del Consiglio europeo

Condividi!

Lascia un commento