Catalogna: perdono e tradimento

Nella giornata di ieri, la presidenza spagnola ha deciso di concedere la grazia a 9 indipendentisti catalani condannati a seguito del referendum del 2017. Il premier socialista Pedro Sanchez ha affermato che questo gesto

[…] è il migliore per la Catalogna, è il migliore per la Spagna, ed è quello che meglio rappresenta lo spirito di coesistenza e armonia espresso nella costituzione spagnola.

Sanchez si è però affrettato a specificare che la scarcerazione non significherà anche la fine dell’interdizione ai pubblici uffici per i leader indipendentisti, interdizione che rispecchia le loro condanne che andavano dai 9 ai 13 anni, con capi d’imputazione come sedizione e abuso di fondi pubblici.

La reazione popolare

Benché la mossa di Madrid possa sembrare come un passo concreto verso il riavvicinamento tra il governo centrale e la regione della Catalogna, al pubblico spagnolo la grazia non piace: un sondaggio di inizio giugno per El Mundo ha rivelato che il 61% degli spagnoli non approvava l’iniziativa. Una spaccatura che ha trovato espressione nelle manifestazioni di dieci giorni fa a Madrid, dove hanno presenziato anche i leader della destra spagnola. 

Foto di Bernat Armangue/STF via tio.ch

Due settimane dopo, un nuovo sondaggio ha fatto notare un incremento del numero dei favorevoli, salito al 44%. Ma, nonostante questo, sono continuate le accuse da parte dei conservatori, che vedono nell’iniziativa solo un modo per Sanchez di assicurare il supporto del partito catalano al suo governo di minoranza.

E ora?

Al di là di queste considerazioni, questa potrebbe essere l’occasione per risolvere la storica rivalità tra Madrid e Barcellona. La Catalogna, una delle regioni più ricche della Spagna, ha sempre goduto di autonomie speciali per via della sua identità culturale e politica; con gli eventi del 2018, e il violento crackdown da parte della polizia, molti catalani hanno rivisto l’oppressione franchista. 

Quindi sebbene l’iniziativa spagnola sia lodevole, questa non può cancellare i fallimenti di Madrid nella gestione della Catalogna, come fatto notare da Puigdemont, leader del partito indipendentista oltranzista. Rimane da vedere se Sanchez saprà trovare un accordo con gli indipendentisti moderati.

Condividi!

Lascia un commento