Seta – morire di nostalgia

Sarei felice. La risposta che diamo alla domanda “E tu se fossi al suo posto?”. Il pensare che la felicità debba risiedere altrove o che possa esclusivamente appartenere ad altri è diventato ormai pane quotidiano. In “Seta”, Alessandro Baricco, sviscera questo sentimento logorante di “morire di nostalgia per qualcosa che non si avrà mai”, tramite il racconto della vita di un mercante di bachi da seta. Il romanzo spazia tra Sol levante e Francia, tra una femme fatale e una donna silenziosa e leale, il tutto avvolto da un linguaggio sensistico e leggero come il medesimo titolo.

Continua a leggere Seta – morire di nostalgia

Etica o Morale?

E’ un sabato mattina, stai percorrendo spensierato le strade del tuo comune perchè, ahimè,  anche tu sei uno degli sfortunati intrappolati nella zona arancione, quand’ecco che la tua sorte nefasta…

Continua a leggere Etica o Morale?

L’infinito è arrivato alla frutta?

Definire l’infinito è ossimorico, in quanto per sua natura esso è indeterminato, aspaziale e mutevole. Nonostante ciò, la ricerca dell’infinito ed il tentativo di attribuirgli dei predicati (forse per rassicurarci circa la sua conoscibilità) è un sentimento atavico nell’uomo. Leopardi può salvarci la vita.

Continua a leggere L’infinito è arrivato alla frutta?